Siamo in dirittura d'arrivo, con lo zaino che pesa sempre di più, probabilmente stanchi, ma sicuramente soddisfatti. Si riparte dall'Abbadia di Fiastra per risalire sulle colline in direzione ovest, seguendo la dorsale che divide la Valle del Fiastrone da quella del Chienti, guardando avanti a noi avremo un bel panorama su tutto il percorso che ci accingiamo a completare e su tutte le colline che abbiamo "scalato" in questi giorni di cammino. Passo dopo passo ci avvicineremo sempe di più a Tolentino e ad arterie stradali più trafficate, le eviteremo quasi interamente percorrendo strade secondarie fino alla porte del centro storico. Mancano pochi Passi (Azzurri), basterà attraversare il Ponte del Diavoloper entrare a Tolentino e aver concluso il nostro Cammino.
Giunti alla fine possiamo finalmente goderci questo centro ricco di arte e storia, visitando l'interno delle sue antiche mura e perchè no... consumando una meritata cena a base di prodotti della gastronomia locale.

Partenza
Abbadia di Fiastra
Arrivo
Tolentino
Durata movimento
3h - 4h
Km
14.65
Dislivello salita
220
Dislivello discesa
180
Difficoltà
Facile
Modalità
A piedi

Equipaggiamento (variabile sulla base delle condizioni meteo): scarponcini da trekking, giacca antivento, cappello, acqua (almeno un litro). 
Consigli utili: crema solare, occhiali da sole, bastoncini da trekking, snack/panino, un ricambio completo da lasciare in auto.

Queste indicazioni sono per chi sceglie di percorrere le singole tappe, qualora tu sia intenzionato a intraprendere l'intero cammino troverai informazioni più esaustive e dettagliate nella pagina con l'itinerario completo.

Informazioni di viaggio
Queste indicazioni ti aiuteranno a preparare al meglio il viaggio. Non sottovalutarle!
Come arrivare al punto di partenza

Il Cammino forma un lungo anello e può essere percorso partendo da uno qualsiasi dei borghi lungo l'itinerario.

Il punto di partenza ufficiale è stato tuttavia fissato a Tolentino in quanto centro più grande dell'Unione Montana dei Monti Azzurri, nonchè raggiungibile attraverso la tratta ferroviaria che collega la costa adriatica con Fabriano (e con Roma). Inoltre è collagata attraverso pullman che effettuano trasporto urbano e interurbano.


Orari treni: https://www.trenitalia.com
Orari pullman: https://www.contram.it

N.B. Tutti i borghi attraversati dal Cammino dei Passi Azzurri sono raggiungibili in auto.

Organizzazione, guide, tracciati

Il Cammino può essere percorso organizzando autonomamente scaricando le tracce dal sito Passi Azzurri, tuttavia è possibile farsi accompagnare da Guide professionali con copertura assicurativa contattando Risorse Active Tourism.

Stagione preferibile

I periodi migliori per percorrere il Cammino dei Passi Azzurri sono senza dubbio quello primaverile e quello autunnale, sia per le temperature ideali per fare attività fisica sia per i colori che incontrerai lungo il percorso.

Va aggiunto però che il percorso si snoda ad un'altitudine collinare con temperature non proibitive d'estate (se non nelle ore centrali) e .......

Alloggi e strutture ricettive

Lungo il percorso e al termine delle tappe troverai strutture di diversa tipologia (agriturismi, alberghi, B&B, etc.), potrai scegliere sulla base delle tue necessità.

Negozi

Ogni tappa si conclude in prossimità di un paese in cui troverai esercizi commerciali con generali alimentari, farmacie e beni di prima necessità.

Per matariale tecnico o più specifico ti consigliamo di attrezzarti nel corso dell'attraversamento dei centri più grandi.

Percorribilità in bicicletta

Il Cammino dei Passi Azzurri è stato pensato per essere percorso a piedi, tuttavia l'intero tracciato può essere percorso anche in MTB o bici gravel.

Da questo punto di vista i tempi di percorrenza si ridurranno sensibilmente e i pedalatori più allenati potranno percorrere più tappe in un'unica giornata.

I nostri amici a 4 zampe

Non ci sono divieti in merito alla percorribilità del Cammino insieme al nostro cane, vogliamo però fornirti alcune indicazioni: assicurati che la struttura ricettiva possa accogliere il tuo cane, attraverserai molte zone rurali in cui potrai incontrare fauna selvatica e cani pastore, porta tutto il necessario (acqua supplementare, ciotole, etc.) per il tuo amico a 4 zampe, l'itineraio sarà lungo anche per lui quindi rilfetti sulla sua preparazione fisica.

Rispetto della natura

Quello che ti appresti ad attraversare è un territorio antropizzato da millenni che ciononostante ha mantenuto intatto il suo pregio naturalistico e paesaggistico in un equilibrio costruito dall'uomo.

Il Cammino è un mezzo per godersi il territorio entrando a stretto con esso, con i suoi ritmi e la sua vera natura, per questa ragione è molto importante rispettarlo: non gettare rifiuti a terra, non raccogliere fiori o piante ove non consentito, rispetta la fauna selvatica, non uscire dai sentieri quando costeggi campi coltivati.

Il territorio dei Passi Azzurri è un bene comune, abbine cura.

Il Cammino e il terremoto

Alcuni dei centri che stai per attraversare con il Cammino sono stati fortemente danneggiati dal sisma che ha colpito tutto il centro Italia tra il 2016 e il 2017.

I Passi Azzurri sono un modo per toccare con mano qual è la situazione e per mostrare vicinanza al territorio.

La sicurezza stradale

Il Cammino dei Passi Azzurri si snoda in larghissima maggioranza su sentieri e strade a scarsissimo traffico veicolare, ciononostante per brevi tratti* ti troverai a percorrere strade asfaltate in cui occorre prestare maggiore attenzione. Per questa ragione vogliamo darti qualche consiglio, partendo dal presupposto di base che consiste nel rispettare sempre il Codice della Strada che, lo ricordiamo, vale anche per noi pedoni in ogni tipologia di strada carrabile.
Il Codice della Strada ci pone degli obblighi:
- utilizzare il marciapiede o il passaggio pedonale se presenti;
- procedere camminando sul margine sinistro della carreggiata in caso di strada a doppio senso di marcia o quando è a senso unico se la direzione di marcia delle auto è opposta alla nostra (qualora non fosse presente un marciapiede o un passaggio pedonale);
- procedere camminando sul margine destro della carreggiata in caso di strada a senso unico e quando la direzione di marcia delle auto è uguale alla nostra (qualora non fosse presente un marciapiede o un passaggio pedonale);
- rispettare i semafori quando presenti;
- utilizzare sempre le strisce pedonali per attraversare la strada. Se non presenti per lunghi tratti attraversare sempre perpendicolarmente al margine della strada verificando attentamente che la stessa sia libera in entrambi i sensi di marcia. In questo secondo caso dare la precedenza alle auto in transito.

Alcuni suggerimenti per aumentare la nostra sicurezza in cammino

- Cerchiamo di renderci visibili attraverso giubbetti ad alta visibilità o vestendo abiti colorati, camminando di notte o al tramonto dotarsi sempre di torce che segnalino la nostra presenza.
- Procedere semrpe in file indiana e mai appaiati.
- In caso di gruppi numerosi è bene che in concomitanza di curve a gomito o altri tratti sensibili qualcuno si distacchi dal gruppo per segnalare la presenza di pedoni in cammino.
- Non sopravvalutare o dare per scontata l'attenzione e la capacità dei guidatori dei mezzi a motore, il più delle volte non si aspettano di trovare persone che procedono a piedi.

*Le tappe in cui prestare maggiore attenzione sono:
- la 3 nel tratto che da Cessapalombo porta a Pian di Pieca;
- la tappa 6 nel tratto in cui si attraversa la SP78;
- la tappa 8 nel tratto in cui si percorre la SP78.

Tappe vicine
Scopri le tappe collegate e pianifica il tuo cammino.
Cosa puoi trovare nei dintorni
Chiese, musei, castelli, teatri, palazzi ricchi di storia...
Loro Piceno
Arco di Porta Pia
Biblioteca Comunale
Biblioteca delle Scuole Elementari e Medie
Biblioteca di Di Mattia Don Rolando
Castello dei Brunforte
Chiesa Corpus Domini
Chiesa di San Antonio da Padova
Chiesa di San Francesco
Chiesa S. Maria di Piazza
Mostra permanente delle attrezzature e degli utensili per il vino cotto
Museo delle due Guerre Mondiali
Museo interattivo della tradizione locale
Museo storia postale dei 15 comuni della Comunità Montana dei Monti Azzurri
Parco Girone
Piazza G. Matteotti, Palazzo Municipale
Portale del Monte Frumentario
Torre della Vittoria
Tolentino
Abbazia di Fiastra
Auditorium San Giacomo
Basilica Santuario di San Nicola
Biblioteca Benadducci
Biblioteca Comunale “Filelfica”
Biblioteca del Liceo Classico Annesso al Liceo Scientifico
Biblioteca del Seminario Vescovile
Biblioteca dell’Abbazia Chiaravalle di Fiastra
Biblioteca delle Carmelitane Scalze
Biblioteca Diocesana
Biblioteca Egidiana
Biblioteca Fondaz. Giustiniani Bandini
Castello della Rancia
Cattedrale di San Catervo
Chiesa del Sacro Cuore
Chiesa del SS. Crocifisso
Chiesa di San Francesco
Chiesa di Santa Maria della Tempesta
Museo Archeologico Aristide Gentiloni Silverj
Museo del Santuario
Museo dell’Arciconfraternita del SS. Cuore di Gesù
Museo della Civiltà Contadina
Museo Internazionale dell'Umorismo nell'Arte
Museo Presepistico
Museo Storico Naturalistico
Palazzo Comunale
Palazzo Parisani Bezzi
Palazzo Sangallo
Poltrona Frau Museum
Ponte del Diavolo
Raccolta Archeologica
Teatro “Nicola Vaccaj”
Torre degli Orologi
Borghi e paesi
Loro Piceno
Borghi e paesi
Tolentino
Luoghi
Biblioteca del Liceo Classico Annesso al Liceo Scientifico
Visualizza tutto